Intervista a Utsa Patnaik: storia agraria e imperialismo

Utsa-Patnaik-kN5C--920x613@LiveMint
Utsa Patnaik. Foto: Pradeep Gaur/Mint

Intervista rilasciata dalla professoressa Utsa Patnaik a Max Ajl come parte delle attività del workshop sul tema ‘Agricultura e imperialismo’, tenutosi a Beirut nel novembre 2018 e organizzato dal Thimar Collective con finanziamenti dal Leverhulme Trust. Intervista pubblicata in collaborazione con Review of African Political Economy website.

Max Ajl: Innanzitutto buongiorno e grazie per essere qui con noi. Per iniziare, potrebbe parlarci di come ha intrapreso lo studio dell’economia e quali sono state le sue prime ricerche?

Utsa Patnaik: Mi sono interessata all’economia in giovane età perché nella nostra casa circolava parecchia letteratura marxista – Il Capitale di Karl Marx, altri volumi di Marx e Engels nonché gli scritti di Lenin. Mio padre, sebbene ingegnere di professione, nutriva interesse per il marxismo. Dato l’accesso a queste letture nell’adolescenza, ho considerato di apprendere l’economia. Mi sono dunque iscritta alla Delhi School of Economics per compiere gli studi universitari. All’epoca avevamo ottimi docenti, inclusi i professori  Sukhamoy Chakravarty, Amartya K. Sen, K.N. Raj. In seguito ho completato il dottorato di ricerca in economia all’Università di Oxford in Gran Bretagna, con tema lo sviluppo dell’agricoltura capitalistica in India, facendo qui ritorno nel 1973 per insegnare alla nuova Jawaharlal Nehru University a Delhi, attività che vi ho svolto per trentasette anni prima di andare in pensione nel 2010.

MA: Attualmente, il suo nome potrebbe essere noto a molti grazie agli studi che ha compiuto sul drenaggio di ricchezza, oltreché al lavoro riguardante l’imperialismo, ma la sua prima attività era maggiormente incentrata sulla differenziazione contadina e la sociologia rurale. Può parlarci di alcuni dei temi da lei affrontati nel suo iniziale lavoro dedicato al mondo rurale?

UP: All’epoca in cui svolgevo la ricerca per il mio dottorato, molti cambiamenti stavano avvenendo nell’agricoltura indiana, dopo decenni di stagnazione sotto il dominio coloniale. A partire dai primi anni Cinquanta, il governo stava spendendo liberamente nello sviluppo rurale e i contadini godevano di protezione, i prezzi per i loro prodotti erano assicurati. Era in corso un processo di investimento privato in agricoltura, tanto da parte delle classi agrarie più agiate quanto per iniziativa di soggetti al di fuori di quell’ambito, e ciò perché l’agricoltura risultava redditizia per la prima volta. Fondamentalmente, si trattava di un processo di sviluppo del capitalismo in agricoltura, il che accendeva particolarmente il mio interesse essendomi noto Lo sviluppo del capitalismo in Russia di Lenin. Più della metà di quel libro e dedicata a dimostrare come, con la crescita dell’economia di mercato, un processo di differenziazione tra i contadini in Russia abbia condotto all’emergere di una classe di contadini ricchi. Ne ritenevo l’impianto teorico assai rilevante in relazione alla situazione indiana, nella quale stava avendo luogo esattamente lo stesso processo. La pubblicazione di alcuni risultati delle mie ricerche su The Economic and Political Weekly, sfociò in quello che è divenuto noto come “dibattito sul modo di produzione”. Dibattito che ha attirato contributi da varie parti del mondo, compresi Andre Gunder Frank, Hamza Alavi, non esclusi, ovviamente, gli indiani –  Ashok Rudra, Jairus Banaji,  Paresh Chattopadhyay. (In seguito mi è stato chiesto dall’EPW di curare la pubblicazione dei documenti di questo dibattito, comparsi sotto il titolo Agrarian Relations and Accumulation).

Secondo l’analisi comunemente accettata all’epoca, lo scenario agrario indiano era dominato da rapporti di produzione feudali, ovverosia, il surplus veniva estratto dai contadini sotto forma di affitto destinato ai grandi proprietari terrieri, nonché di interesse dovuto agli usurai. I contadini venivano inoltre derubati dai mercanti, i quali intascavano la sostanziosa differenza tra il basso prezzo a cui ne compravano i prodotti e quello a cui li vendevano.

Io sostenevo che tali rapporti avevano ancora il predominio, ma vi era un nuovo processo in corso del quale bisognava rendere conto:  coloro che passavano dai vecchi modi di estrarre il surplus a modalità nuove, vale a dire, assumendo manodopera e generando profitti. Questo è essenzialmente ciò in cui la crescita dell’agricoltura capitalistica consisteva, e io stavo cercando di identificarne i soggetti. Essi provenivano dalla cerchia degli ex proprietari feudali, perché erano stati compensati per qualsiasi terra sottratta nel contesto della riforma agraria del governo. Costoro controllavano migliaia di acri, alcuni di loro almeno – e solo una parte era stata rilevata dallo stato, ma questa parte non era stata confiscata. Erano stati compensati con denaro e obbligazioni, quindi disponevano di soldi in abbondanza per investire, cosa che molti iniziarono a fare. L’altro elemento che stava contribuendo alla crescita dell’agricoltura capitalistica era costituito da un segmento di contadini ricchi. I grandi proprietari terrieri non prendevano parte ad alcun tipo di lavoro nei campi,ma i contadini ricchi vi partecipavano effettivamente, sebbene facessero in larga parte affidamento su lavoro salariato per svolgere le attività. In alcune zone del paese, come il Punjab, l’elemento contadino ricco era dominante, mentre in altre prevaleva quello dei grandi proprietari terrieri – l’India presentava enormi variazioni nelle strutture di classe.

Continua a leggere “Intervista a Utsa Patnaik: storia agraria e imperialismo”

Annunci

Come David Harvey nega l’imperialismo

di John Smith

phpThumb_generated_thumbnailDavid Harvey, autore di La guerra perpetua: analisi del nuovo imperialismo e di altri acclamati volumi sul capitalismo e l’economia politica marxista, non solo crede che l’epoca dell’imperialismo sia conclusa, ma è anche convinto si sia ribaltata. Nel suo commento su A Theory of Imperialism di Prabhat e Utsa Patnaik, egli afferma:

Coloro fra di noi convinti che le vecchie categorie di imperialismo, al giorno d’oggi, non funzionino adeguatamente, non negano in alcun modo i complessi flussi di valore che espandono l’accumulazione di ricchezza e potere in una parte del mondo a scapito di un’altra. Semplicemente, riteniamo che tali flussi siano molto più complicati e cambino continuamente direzione. Lo storico drenaggio di ricchezza dall’Oriente verso l’Occidente, protrattosi per oltre due secoli, ad esempio, è stato in larga parte invertito negli ultimi trent’anni (enfasi mia, qui e nel prosieguo – JS, p. 169).

Invece di “dall’Oriente verso l’Occidente” si legga “dal Sud al Nord globali”, ovvero, paesi a basso salario e quelli che alcuni, incluso l’autore in questione, definiscono paesi imperialisti. Per riprendere la sorprendente affermazione di Harvey: durante l’epoca neoliberista, vale a dire, gli ultimi trent’anni, Nord America, Europa e Giappone non solo hanno cessato il loro secolare saccheggio di ricchezza da Africa , Asia e America Latina, ma il flusso è stato addirittura invertito: “i paesi in via di sviluppo” stanno ora drenando ricchezza dai centri imperialisti. Questa asserzione, fatta senza portare alcuna evidenza a suo sostegno o una qualsivoglia stima di grandezza, riprende affermazioni analoghe contenute nelle precedenti opere di Harvey. In Diciassette contraddizione e la fine del capitalismo, ad esempio, agli sostiene:

Le disparità nella distribuzione globale di ricchezza e reddito fra paesi si sono molto ridotte, con la crescita del reddito pro capite in molte parti del mondo in via di sviluppo. Il drenaggio netto di ricchezza, che per oltre due secoli è stato prevalentemente dall’Est verso l’Ovest, ora ha invertito la sua direzione, da quando l’Asia orientale in particolare è salita alla ribalta come grande potenza nell’economia globale (p. 173).

La prima frase della citazione esagera enormemente la convergenza globale: una volta rimossa la Cina dal quadro, e dato conto delle accresciute diseguaglianze di reddito in molte nazioni del sud, nessun progresso reale è stato compiuto nel superare l’enorme divario in termini di salari reali e livello di vita tra “Occidente” e resto del mondo.

La seconda frase è confutata da un rapido esame della più importante trasformazione verificatasi nell’epoca neoliberista – lo spostamento dei processi produttivi verso i paesi a basso salario. Le imprese multinazionali con sede in Europa, Nord America e Giappone hanno guidato questo processo, tagliando i costi di produzione e aumentando i margini di profitto, tramite il rimpiazzo della relativamente ben pagata manodopera domestica con quella estera più a buon mercato. Nel suo  Outsourcing, Protecionism, and the Global Labor Arbitrage Stephen Roach, già economista presso Monrgan Stanley, nonché suo responsabile per le operazioni in Asia, ne ha spiegato il motivo:

In un’epoca di eccesso d’offerta, le aziende sono quantomai prive di potere contrattuale relativo ai prezzi. Come tali, si trovano a dover essere inesorabili nella ricerca di nuove forme di efficienza. Non sorprende dunque che il centro di simili sforzi sia il lavoro, il quale rappresenta la maggior parte dei costi di produzione nel mondo sviluppato… I tassi salariali in Cina e India vanno dal 10 al 25% di quelli di lavoratori comparabili negli USA e resto del mondo sviluppato. Conseguentemente, la delocalizzazione che estrae prodotto da lavoratori a salario relativamente basso, nel mondo in via di sviluppo, è divenuta una sempre più urgente tattica di sopravvivenza per le aziende delle economie sviluppate.

La vasta scala raggiunta dalla delocalizzazione della produzione verso i paesi a basso salario, sia attraverso investimenti diretti esteri che tramite rapporti più indiretti, significa uno sfruttamento di gran lunga superiore della manodopera del Sud da parte delle imprese multinazionali di USA, Europa e Giappone, dunque legioni di lavoratori soggetti ad un maggiore tasso di sfruttamento. Talvolta, David Harvey, sembra riconoscere tale realtà. Nella sua critica ai Patnaik, ad esempio, appena due paragrafi prima dell’affermazione secondo la quale l’Oriente sta ormai drenando ricchezza dall’Occidente, osserva che “Foxconn, che produce i computer Apple in un regime lavorativo di supersfruttamento per i lavoratori migranti nel sud della Cina, registra un 3% di profitto, laddove Apple, la quale vende i PC nei paesi metropolitani, realizza il 27%”. Eppure, tutto ciò, nonché il quadro più ampio di cui fornisce un’eloquente illustrazione, implicano nuovi e sempre maggiori flussi di valore e plusvalore per le imprese multinazionali di USA, Europa e Giappone provenienti da lavoratori a basso salario cinesi, bangladesi, messicani e di altre aree, oltreché ragione di individuare in una simile trasformazione il segno di un nuovo stadio nello sviluppo dell’imperialismo. David Harvey, a dispetto delle evidenze, e tuttavia riflettendo un diffuso punto di vista fra i marxisti nei paesi imperialisti, ritiene sia vero il contrario.

Continua a leggere “Come David Harvey nega l’imperialismo”